omar

omar

Scarpe da corsa, tre suggerimenti per mantenerle pulite

Se corri all'aperto, le tue scarpe incontrano di tutto: fango, pozzanghere, foglie e sabbia. Tutta questa sporcizia può far sembrare logore le tue scarpe prima che lo siano davvero. Leggi i consigli di ASICS, tratti dal sito www.asics.com, su come mantenere le tue scarpe da corsa pulite:

1. Se possibile, estrai il sottopiede e la soletta e lavali separatamente. In questo modo l'interno della tua scarpa rimarrà più fresco. I lacci possono essere lavati o sostituiti.

2. La sporcizia sulla superficie, come fango e sabbia, può essere rimossa. Usa un vecchio spazzolino da denti o da unghie, un po' di acqua calda e un detergente sgrassatore delicato. Così facendo dovresti eliminare lo sporco, ripetendo l'operazione di tanto in tanto.asics-gel-nimbus-15

3. Per asciugare le scarpe, non metterle vicino al termosifone o alla stufa. Il calore diretto può alterare la forma delle scarpe. Apri la scarpa e riempila con carta assorbente o carta di giornale. La carta assorbirà l'umidità presente all'interno della scarpa. Una scarpa impiega circa dodici ore per asciugarsi del tutto.

Se sei un corridore abituale, è consigliabile usare due paia di scarpe per il running invernale, potrebbe essere la soluzione per avere sempre a disposizione un paio di scarpe asciutte.

Fonte: www.asics.com

"Il Galà dello Sport - la Castagna d'Argento" in streaming

La storia non si può fermare, così come la bellezza che lo sport sa regalare. "Il Galà dello Sport – la Castagna d'Argento" va avanti e quest'anno celebrerà la quindicesima edizione. Un premio che ha sempre travalicato i confini locali e regionali per diventare, a tutti gli effetti, di caratura nazionale. In 14 anni di storia si sono avvicendati sul palco del Galà grandi personaggi dello sport italiano, fra dirigenti, allenatori, atleti e giornalisti. Nonostante le limitazioni che la pandemia impone il comitato organizzatore vuole continuare a scrivere pagine importanti della storia della manifestazione.

La commissione ha deciso, dunque, di realizzare per quest'anno una particolare edizione del "Galà dello Sport", che verrà trasmessa in streaming, con conduttori, organizzatori e giornalisti in studio, nel rispetto delle norme sul distanziamento personale, e ospiti collegati da remoto dalle loro sedi. La serata verrà trasmessa in diretta su Video Mediterraneo (canale 11 DTT), in streaming su videomediterraneo.it e sulla pagina facebook dell'evento (https://www.facebook.com/galadellosport).

La trasmissione, che sarà come sempre presentata da Ruggero Sardo, si intitolerà: Telesiculissimi, special edition dedicata alla 15a del Galà dello Sport e andrà in onda giovedì 10 dicembre alle ore 21.30. Il Galà dello Sport è organizzato da Sicilpool con la collaborazione dell'assessorato regionale Turismo, Sport e Spettacolo, diretto dall'assessore Manlio Messina, del Comune di Trecastagni, con in testa il sindaco Pippo Messina e l'assessore allo Sport Gianfranco Calogero, del Coni regionale presieduto da Sergio D'Antoni, e provinciale, diretto da Enzo Falzone, con cui si è cementato negli anni un rapporto di costante partnership, e con il supporto tecnico di Primamusica.

"Vogliamo dare un segnale importante – spiega il responsabile della Sicilpool Pippo Leone, storico patron dell'evento –, il Galà non si ferma, nonostante il periodo che stiamo attraversando. La tecnologia in tal senso ci dà una mano. Il Covid impone una linea da seguire, ma la nostra storia ci obbliga ad andare avanti comunque. Sarà un'edizione diversa, dal sicuro effetto mediatico – come dimostrato dalle tante trasmissioni di questo tipo che sono state realizzate nel periodo del lockdown, un'edizione come sempre ricca di grandi protagonisti dello sport che saranno premiati virtualmente, attraverso una serie di collegamenti video, da chi ha vinto la Castagna d'Argento negli anni scorsi".

Subscribe to this RSS feed
...dal 1995 a girare il mondo divertendosi di corsa!
zatopekSe desideri vincere qualcosa puoi correre i 100 metri. Se vuoi goderti una vera esperienza corri una maratona. Emil Zátopek